banner-principale

Campagna contro l’abbandono degli animali

Soprattutto nel periodo estivo si ripropone il triste fenomeno dell’abbandono dei nostri amici animali. I teneri cuccioli che magari sono stati accolti per diversi mesi in una famiglia diventano un ingombrante fardello di cui liberarsi. Non importa come. Per cani e gatti l’abbandono è l’inizio di un incubo che li condurrà, nella maggior parte dei casi, a morire per fame, sete, a essere coinvolti in incidenti stradali, a diventare vittime di maltrattamenti o della malavita organizzata per l’addestramento dei cani da combattimento.

Secondo alcuni dati Eurispes, ogni anno in Italia vengono abbandonati circa 350.000 animali, di cui 200.000 gatti e oltre 150.000 cani. E questo, nonostante esista una legge contro i maltrattamenti, la n. 189 del 20 luglio 2004, che punisce con l’arresto fino a 1 anno o un’ammenda da 1.000 a 10.000 euro chi abbandona un animale. Non basta deprecare l’abbandono per ridurlo o farlo cessare, ma occorre concretamente impegnarsi per contrastarlo. Anche diffondendo tra le persone uno spiccato senso civico e facendo comprendere che ognuno di noi, grazie all’esistenza di una legge in materia, ha la possibilità e il dovere di denunciare alle Forze dell’Ordine episodi di abbandono o di maltrattamento di cui si trova a essere casuale spettatore.

Imparare a non chiudere gli occhi e il cuore di fronte a un animale in difficoltà non può che renderci cittadini ed esseri umani migliori. La sua fine? Ha inizio con l’abbandono!

>>>>> CONDIVIDI:

Scrivi un commento

Devi registrarti per scrivere un commento.